DanielZampieri.com | Barcellona: Gt Open, ritorno vincente per Daniel Zampieri
15857
post-template-default,single,single-post,postid-15857,single-format-standard,tribe-no-js,tribe-bar-is-disabled,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Barcellona: Gt Open, ritorno vincente per Daniel Zampieri

Barcellona: Gt Open, ritorno vincente per Daniel Zampieri

Ritorno vincente nel Gt Open per Daniel Zampieri. Il Gt3 Junior Driver di Lamborghini ha disputato l’ultima prova della categoria di cui è stato campione nel 2012 e 2014. Il weekend di Barcellona è iniziato nel migliore dei modi, con il pilota di Lugano che in equipaggio con Marco Antonelli, proprio su una Huracane del team di quest’ultimo, ha svettato sin dalle prime prove libere. Più complicata gara 1, ma comunque positiva. Zampieri ed Antonelli, partiti da metà gruppo, hanno finito la gara ai piedi del podio, in quarta piazza. Il meglio però doveva ancora venire. Nella qualifica dell’ultimo appuntamento stagionale, l’equipaggio #25 ha conquistato la pole position. Daniel difende bene al via la leadership riconquistando alla prima curva la posizione momentaneamente persa allo start.  Da questo punto della gara in poi, Daniel ha cominciato ad accumulare vantaggio giro dopo giro, se non che una safety car, entrata per rimuovere la vettura di Ledogar da una posizione pericolosa, ha vanificato la prima parte del lavoro per Zampieri. Al restart, il pilota della Huracan mantiene il comando sino al cambio pilota. Marco Antonelli ha condotto poi la vettura alla fine della gara transitando primo sotto la bandiera a scacchi.

Daniel Zampieri: “E’ stata una stagione di alti e bassi ma chiudere a Barcellona in questo modo è davvero speciale. Mi sono trovato subito a mio agio con il Team di Marco Antonelli, con il quale ho condiviso la vettura. Questa vittoria mi spinge a fare ancora meglio nella prossima stagione.”